I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 4/4

Da Beirut, Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi  Quando il segretario di stato americano Mike Pompeo dice: “ gli iracheni e i libanesi rivogliono indietro il loro paese, stanno scoprendo che quello che il regime iraniano esporta più di qualunque altra cosa è la corruzione”, accusa in modo diretto i governi dei due […]

Read More I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 4/4
Advertisements

I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 3/4

Da Beirut, Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da Alice Censi  I dimostranti in Libano sono scesi in strada (per la prima volta dal 1945, anno dell’indipendenza del paese) accusando di corruzione tutti i leaders politici attualmente al potere. Non erano solo libanesi: molti tra i rifugiati siriani, che in totale sono più di un milione […]

Read More I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 3/4

I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 2/4

Da Beirut, Elijah J. Magnier:  @ejmalrai Tradotto da Alice Censi  Nel 1975 in Libano iniziava una guerra civile violenta e devastante che sarebbe durata 15 anni. Il contesto in cui avveniva era caratterizzato dal tentativo di eliminare e rimuovere dal paese l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) comandata da Yasser Arafat. La presenza dei […]

Read More I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 2/4

I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 1/4

Da Beirut, Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da Alice Censi   Gli Stati Uniti d’America, Israele e l’Arabia Saudita non ne possono più dell’Iran e dei suoi alleati in Medio Oriente. Nonostante abbiano fatto la guerra alla Siria e a Hezbollah in Libano, abbiano spinto il governo iracheno a sciogliere Hashd al-Shaabi, abbiano tentato di […]

Read More I dimostranti in Libano e in Iraq: Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita stufi dell’Iran 1/4

Libano: per i manifestanti questa settimana sarà diversa da quella passata

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Dopo circa due settimane di manifestazioni spontanee diffuse in tutto il paese, donatori anonimi hanno investito una ingente somma di denaro  per fornire cibo, bevande e altre cose necessarie ai manifestanti affinché possano restare in strada fino alla “ caduta del sistema politico, del governo e […]

Read More Libano: per i manifestanti questa settimana sarà diversa da quella passata

L’incontro tra Putin e Erdogan mira ad appianare le divergenze e ad accorciare le distanze tra gli alleati

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai  Tradotto da: Alice Censi Nella prima settimana di ottobre gli Stati Uniti informavano la Turchia e la Russia della loro intenzione di ritirarsi dal nord-est della Siria (NES). Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a quel punto metteva in atto un piano, pronto in realtà da più di un anno, […]

Read More L’incontro tra Putin e Erdogan mira ad appianare le divergenze e ad accorciare le distanze tra gli alleati

L’attacco turco ai curdi in Siria: vincitori e vinti Parte 3/3

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai  Tradotto da: Alice Censi Gli Stati Uniti d’America, vincitori della Seconda Guerra Mondiale, emersero dal conflitto come la nazione più forte e più ricca del mondo. Gli altri alleati, in particolare l’Unione Sovietica, anche se vincitori, ne uscirono invece decisamente indeboliti. Dovevano ricostruire i loro paesi e ristrutturare la loro […]

Read More L’attacco turco ai curdi in Siria: vincitori e vinti Parte 3/3

L’attacco turco ai curdi in Siria: vincitori e vinti (Parte 2/3)

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai  Tradotto da: Alice Censi La Turchia ha invaso il nord-est della Siria (NES) soltanto dopo aver fissato insieme agli Stati Uniti i limiti territoriali da non oltrepassare. Le due superpotenze, Russia e Stati Uniti, hanno scelto, in un secondo tempo, di tutelare Ankara bloccando una risoluzione alle Nazioni Unite, redatta […]

Read More L’attacco turco ai curdi in Siria: vincitori e vinti (Parte 2/3)

L’attacco turco ai curdi in Siria: vincitori e vinti Parte 1/3

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi   Il presidente Donald Trump ha dato l’ordine di iniziare il “ deliberato ritiro “ delle sue truppe dal nord-est della Siria (NES), una decisione che dovrebbe metter fine all’occupazione americana del territorio. Questa decisione ha accelerato la corsa dell’esercito turco e di quello siriano per […]

Read More L’attacco turco ai curdi in Siria: vincitori e vinti Parte 1/3

Un razzo ha provocato il ritiro degli Stati Uniti: dettagli sull’accordo curdo-russo-siriano

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Venerdì scorso un proiettile di artiglieria da 155 mm è caduto a 300 metri da un posto di comando americano situato nei pressi della città siriana di confine di Ayn al-Arab ( chiamata “Kobane” dai curdi siriani), mentre era (ed è) in corso l’operazione militare della […]

Read More Un razzo ha provocato il ritiro degli Stati Uniti: dettagli sull’accordo curdo-russo-siriano

L’attacco turco al Rojava: l’Iran non è più l’obbiettivo degli Stati Uniti in Siria.

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da Alice Censi Sebbene l’attacco turco ai curdi siriani nel nord-est della Siria (NES) preveda solo la conquista di una zona cuscinetto di confine che si estende per 32 km, l’offensiva di Ankara potrebbe centrare ben altri obbiettivi sempre che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan rispetti gli accordi fatti […]

Read More L’attacco turco al Rojava: l’Iran non è più l’obbiettivo degli Stati Uniti in Siria.

Non si prevede un ritiro delle truppe americane dalla Siria entro l’anno.

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Malgrado il presidente Donald Trump abbia annunciato di aver raggiunto un accordo con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan per il ritiro delle truppe statunitensi da alcune posizioni in Siria, nella parte occupata del nord-est ( che lascerebbe peraltro i curdi siriani al loro destino), […]

Read More Non si prevede un ritiro delle truppe americane dalla Siria entro l’anno.

La guerra silenziosa tra Stati Uniti e Iran si è trasformata in una “insurrezione in Iraq”

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Quello che è successo negli ultimi quattro giorni rivela come la guerra in corso tra Stati Uniti e Iran stia colpendo profondamente tutto il Medio Oriente. Lo scenario adesso si è spostato in Iraq dove più di 105 persone sono rimaste uccise e migliaia ferite nelle […]

Read More La guerra silenziosa tra Stati Uniti e Iran si è trasformata in una “insurrezione in Iraq”

Potranno gli Stati Uniti privare Hezbollah dei suoi finanziamenti?

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Nel corso degli anni molti analisti hanno copiato e riproposto come pappagalli i contenuti di relazioni non accurate, rese pubbliche dall’intelligence degli Stati Uniti, sulle fonti di finanziamento  di Hezbollah  in tutto il mondo. Questi documenti affermano che Hezbollah sopravvive grazie al contrabbando di sigarette, alla riproduzione illegale […]

Read More Potranno gli Stati Uniti privare Hezbollah dei suoi finanziamenti?

L’appello alla pace degli Stati Uniti e le scuse per gli errori del passato.

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai “ Come presidente degli Stati Uniti d’America chiedo scusa per le sofferenze che abbiamo causato al mondo per decenni, soprattutto al Medio Oriente. Sono dispiaciuto per l’immenso dolore arrecato agli abitanti dell’Iran con le dure, aggressive sanzioni imposte allo scopo di limitare la loro sovranità e di sottometterli all’egemonia statunitense. […]

Read More L’appello alla pace degli Stati Uniti e le scuse per gli errori del passato.

Gli Stati Uniti vogliono far diventare l’Iran uno “ squalo senza denti”: i suoi alleati e i suoi missili non si discutono.

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Non ci sarà nessun accordo tra l’Iran e gli Stati Uniti fino a quando il presidente Donald Trump insisterà a non voler revocare le aggressive sanzioni imposte alla “Repubblica Islamica”. I leaders di Riad e Washington hanno chiesto al Pakistan e all’Iraq di mediare con le autorità […]

Read More Gli Stati Uniti vogliono far diventare l’Iran uno “ squalo senza denti”: i suoi alleati e i suoi missili non si discutono.

Quello che offrono l’Iran e gli Stati Uniti ai loro alleati : i molti messaggi di Teheran

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi La tensione in Medio Oriente tra Stati Uniti e Iran che a seconda dei momenti sale o scende, si rinnova, con Teheran impegnata a colpire i suoi nemici ( per conto suo e con l’aiuto dei suoi alleati) senza però causare, finora, la morte di nessun americano. […]

Read More Quello che offrono l’Iran e gli Stati Uniti ai loro alleati : i molti messaggi di Teheran

Perché l’Iran non ha reagito agli attacchi di Israele? Parte 2/2

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Gli Stati Uniti e Israele approfittando delle differenze presenti al suo interno, cercano di condizionare la politica irachena per riuscire a colpire Hashd al-Shaabi, le “Forze di Mobilitazione Popolare” (PMF). Queste forze possono contare su un significativo sostegno all’interno dell’Iraq ma nello stesso tempo si sono […]

Read More Perché l’Iran non ha reagito agli attacchi di Israele? Parte 2/2

Perché l’Iraq non ha reagito agli attacchi di Israele? Parte 1/2

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Iraq e Siria avevano deciso di riaprire il valico di frontiera tra i due paesi ad Albu Kamal-al Qaem, essenziale per gli interessi economici di entrambi e prezioso anche per l’“Asse della Resistenza” (Iran, Iraq, Siria e Hezbollah in Libano) ma ventiquattrore prima dell’apertura i militanti […]

Read More Perché l’Iraq non ha reagito agli attacchi di Israele? Parte 1/2

Moqtada e l’Iran : una lunga storia di amore e odio.

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai Tradotto da: Alice Censi Accompagnato dal Brigadiere Generale Qassem Soleimani ( capo della Brigata Gerusalemme del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Iraniana, IRGC-QB) e alla presenza del comandante dell’IRGC Hossein Salame, il leader iracheno Moqtada al-Sadr è stato ricevuto dalla Guida Suprema dell’Iran Sayyed Ali Khamenei nel decimo giorno del […]

Read More Moqtada e l’Iran : una lunga storia di amore e odio.

L’Iran sarà una potenza nucleare alla fine del 2020 : nessun ritorno all’accordo del 2015

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai L’iniziativa del presidente francese Emmanuel Macron per sbloccare la crisi iraniana non ha avuto successo anche se all’inizio il presidente degli Stati Uniti l’aveva accolta positivamente. Questo insuccesso ha portato l’Iran a fare un terzo passo verso il ritiro dal trattato sul nucleare (JCPOA) e ha sollevato due importanti questioni. […]

Read More L’Iran sarà una potenza nucleare alla fine del 2020 : nessun ritorno all’accordo del 2015