Cosa stanno preparando la Russia e la Turchia per la Siria? Divergenze a Sochi.

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai

Tradotto da: Alice Censi

Non si prevede che nell’incontro del 14 febbraio a Sochi tra i  presidenti della Russia, della Turchia e dell’Iran verrà trovata una soluzione che trovi tutti d’accordo sul problema di queste due zone in Siria : il nordest ( da Manbij a Qamishli/al-Hasaka) attualmente occupato dalle forze militari americane e la città di Idlib e la sua provincia occupate dai gruppi jihadisti in buoni rapporti con la Turchia. 

Ci sono sostanzialmente punti di vista diversi. Si pensa che il tema principale della discussione in questo incontro  sia il possibile ritiro degli Stati Uniti nelle prossime settimane ( il mese di aprile pare sia credibile) come Washington ha annunciato. 

Tutti concordano sul fatto che il ritiro americano oggi sia una priorità e un vero sollievo per il Levante . Pertanto, ogni passo utile a raggiungere questo obbiettivo senza intoppi, dovrà essere compiuto. Tuttavia le differenze principali sono conseguenza del desiderio nonché dell’intenzione della Russia di arrivare ad un “accordo temporaneo”con la Turchia sulla situazione del nordest siriano dopo il ritiro americano. Queste differenze riguardano il prezzo che la Siria dovrà pagare per vedere le truppe americane fuori dal paese. 

Fonti di informazione tra coloro che prendono le decisioni a Damasco, dicono che “ la Russia sta cercando di trovare una scusa per l’entrata della Turchia nel nordest della Siria, in una “zona cuscinetto” di 12.000Kmq  all’interno dei 42.000 Kmq a est dell’Eufrate attualmente occupati dagli Stati Uniti, rilanciando così gli accordi di Adana del 1998 tra Ankara e Damasco.”

Il 23 gennaio, il presidente Putin diceva che l’accordo di 20 anni fa era ancora vincolante. Una fonte siriana riporta che “ il presidente russo sta cercando di fare in modo che la Turchia riprenda le relazioni direttamente con la Siria a livello più stretto. La Russia è convinta che una presenza temporanea della Turchia sia accettabile fermo restando che l’unità della Siria non venga messa in discussione. Ma noi, a Damasco, siamo convinti che se la Turchia entra in Siria, sarà difficile farla andare via”. 

La Russia non ha mai abbandonato l’idea di una Siria unita e ritiene che sia importante che l’intera area geografica torni sotto il controllo del governo centrale. Tuttavia, allo stesso tempo, considera gli Stati Uniti un pericolo maggiore e che quindi valga la pena che siano le truppe turche a rimpiazzare temporaneamente quelle americane se questo è quello che vuole Washington. 

Per contro, il presidente siriano e quello iraniano, non sono d’accordo sulla strategia di Putin poiché sono sicuri che la Turchia non rinuncerà al controllo del nordest siriano, un territorio ricco di risorse energetiche e agricole,  con il pretesto di combattere i suoi nemici giurati, i militanti curdi. 

Secondo quanto dicono le autorità siriane, l’Arabia Saudita,a differenza del Qatar, ha abbandonato i suoi “proxies” in Siria. “ Riad ambiva a tornare a Damasco e riaprire la sua ambasciata a breve ma il segretario di stato americano Mike Pompeo mettendo una serie di ostacoli  insisteva affinchè il processo fosse fermato e venisse impedito il ritorno della Siria nella Lega Araba. Il Qatar invece è ancora attivo, sostiene al-Qaeda a Idlib e la presenza turca nel nordest. Pertanto pare che Stati Uniti, Russia, Turchia e Qatar siano tutti d’accordo su una presenza turca nella “zona cuscinetto”che va da Manbij a Ayn al-Arab, Tal Abyad, al-Hasaka e Qamishli”. 

E’ chiaro che gli Stati Uniti non sono più interessati al destino dei curdi e delle loro famiglie non certamente disposti a vivere sotto l’occupazione turca. La Russia, la Turchia e il Qatar credono che l’unica speranza per i curdi sia spostarsi verso le forze del governo siriano che attraverseranno l’Eufrate dopo il ritiro americano. L’ “accordo di Adana rivisto” promosso da Mosca e Ankara, inciderà sulla demografia della Siria a spese dei curdi che hanno sempre creduto che gli Stati Uniti avrebbero dato loro uno stato indipendente, e mai immaginato una loro partenza improvvisa. 

Le ambizioni turche in Siria non si limitano al nordest. Ankara è riluttante ad andarsene da Idlib e sta chiedendo ai gruppi locali di trovare una soluzione e superare le loro differenze, soprattutto quelle tra il gruppo di al-Qaeda “Hurras al-Deen” e il gruppo jihadista di Hay’at Tahrir al-Sham. 

Hay’at Tahrir al-Sham (HTS) non è più legato al gruppo di al-Qaeda guidato da Ayman al-Zawaheri perché il suo capo, Abu Mohamad al-Joulani vuole la sua indipendenza. Joulani ha seguito l’esatta ideologia e il credo dell’ISIS e di al-Qaeda quando era legato a loro ma ad un certo punto ha avuto delle divergenze su alcune delle loro pratiche e non si è più adattato all’ambiente. Joulani infatti non ha bisogno di seguire l’ISIS o al-Qaeda e nulla gli impedisce di essere un jihadista siriano indipendente con obbiettivi e priorità leggermente diversi. Ai suoi ordini ha combattenti stranieri provenienti da tutto il mondo e ha la sua base nel Levante, che ogni jihadista considera “la terra promessa”in cui stabilire un “Emirato Islamico”. Joulani infatti è il leader di “un gruppo jihadista basato sul credo della Sunnah e Jama’a e ha come scopo imporre la Sharia (legge divina) Islamica attraverso la jihad e la Da’wa (invito ad abbracciare l’Islam)”: così lui descrive l’obbiettivo del suo gruppo nel suo comunicato. 

Joulani guida un gruppo che segue la “Jihad al-Tamqeen” che significa “ Jihad fino a quando  diventa forte” e evoca una paziente e opportunista lotta religiosa compatibile con i Fratelli Musulmani che aspira a non bruciare i ponti ma ad adattarsi all’ambiente e ai nuovi sviluppi senza cambiare la propria ideologia o alterare il proprio credo. Si fanno compromessi temporanei con alleanze e pratiche fino a quando il gruppo è sufficientemente forte da poter abbandonare alcune politiche pragmatiche che lo aiutano a sopravvivere, acquisire forza e arruolare. La politica pragmatica di Joulani si sposa perfettamente con quella della Turchia. La Turchia è il paese islamico più potente presente a Idlib, forte abbastanza da riuscire a frenare un attacco della Russia e delle forze di Damasco alla sua roccaforte. La Turchia è felice di aver a che fare con un “jihadista camaleonte” purchè sia utile agli scopi di entrambi (Turchia e HTS). 

Comunque alla Turchia non spiacerebbe consegnare Hurras el-Deen ( al-Qaeda siriana) ai russi e alle loro bombe mentre Joulani indossa l’abito del jihadista obbediente come una pecora. Joulani può aiutare la Turchia a risolvere la sua scomoda situazione se mostra il suo pragmatismo. La Turchia è stata messa in imbarazzo dalla sua mancanza di impegno nell’accordo siglato con la Russia lo scorso anno a settembre, quando si era assunta l’obbligo di metter fine alla presenza di al-Qaeda a Idlib e dintorni. Un Joulani trasformato conviene sia ad Ankara che a Mosca. 

La situazione nel Levante resta complicata e irrisolta , prevale lo scetticismo nei confronti dell’imminente ritiro americano dal paese e la mancanza di fiducia tra i partners. La Russia pare disposta a tollerare una temporanea presenza turca. L’Iran, un alleato della Turchia, vorrebbe che fossero le truppe siriane ad avere il controllo di tutto il territorio ma contemporaneamente dà la precedenza all’uscita permanente del “grande Satana” dalla Siria. Damasco e Teheran condividono la stessa paura e cioè che le truppe turche restino in Siria per moltissimo tempo. Queste differenze potrebbero far sì che l’incontro di Sochi non abbia successo; il destino di Idlib e del nordest della Siria non si conosce ancora, non c’è finora un accordo tra gli alleati. 

Non c’è da aspettarsi una soluzione perfetta dato che manca chiaramente la fiducia soprattutto sul ruolo della Turchia in futuro e la sua presenza in Siria. Indipendentemente da tutto questo i curdi restano, in ogni caso, i veri perdenti. 

Grazie in anticipo a tutti coloro che, dopo aver letto questo articolo, vorranno contribuire, anche solo con un euro, alla continuità delle informazioni!!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.