Perché la NATO è ostile alla Russia? Il Medio Oriente ha un ruolo in tutto ciò?

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  La Russia ha deciso di sospendere le relazioni con la NATO, ha stabilito infatti il ritiro della sua missione diplomatica a Bruxelles, la capitale del Belgio, e ha ordinato al personale dell’Alleanza Atlantica a Mosca di andarsene e chiudere l’ufficio informazioni. Questa mossa è la risposta alla decisione della NATO di espellere […]

Read More Perché la NATO è ostile alla Russia? Il Medio Oriente ha un ruolo in tutto ciò?

L’Iran occupa davvero cinque città arabe?

Di Elijah. J. Magnier  Tradotto da A.C. “L’Iran occupa cinque città arabe: Beirut,Baghdad, Sana’a, Damasco e Gaza”. Questa affermazione circola costantemente nelle capitali arabe e occidentali come atto di accusa all’Iran che esporterebbe la sua rivoluzione in Asia Occidentale per espandervi il suo controllo e “destabilizzare la regione”. Se fosse vero l’Iran avrebbe raggiunto un […]

Read More L’Iran occupa davvero cinque città arabe?

Iraq: le sfide immani che Moqtada al-Sadr ha di fronte (3) 

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Ci vorrà un po’ di tempo prima che la nuova realtà espressa dalle elezioni parlamentari risulti evidente e porti alla luce del sole quei sorprendenti risultati che impongono di ridisegnare le alleanze che avranno il compito di definire gli obbiettivi del nuovo primo ministro. E comunque vada, indubbiamente […]

Read More Iraq: le sfide immani che Moqtada al-Sadr ha di fronte (3) 

Iraq: le sfide immani che Moqtada al-Sadr ha di fronte (2) 

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  I risultati delle elezioni irachene non hanno ancora prodotto l’identità del partito che selezionerà il prossimo primo ministro. E’ molto probabile, anche se non è sicuro, che il capo del movimento sadrista, Moqtada al-Sadr, abbia l’ultima parola sulla nomina del nuovo primo ministro viste le previsioni di una […]

Read More Iraq: le sfide immani che Moqtada al-Sadr ha di fronte (2) 

Come ha potuto Sayyed Muqtada Al-Sadr diventare l’acerrimo nemico di tanti politici sciiti? 

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  In Iraq sono stati allestiti 8.273 seggi elettorali dove i 25 milioni di iracheni aventi diritto al voto hanno potuto scegliere, tra 3227 candidati (è il numero di coloro che si sono presentati), i 329 membri del futuro parlamento del paese. L’Iraq si prepara ad annunciare i risultati […]

Read More Come ha potuto Sayyed Muqtada Al-Sadr diventare l’acerrimo nemico di tanti politici sciiti? 

Sfide impegnative attendono il prossimo Primo Ministro iracheno 

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Gli iracheni, così come quelli che vivono nella regione mediorientale e in altri paesi, sono in attesa dei risultati delle elezioni che si terranno domenica 10 ottobre, approntate per affrontare le sfide importanti e complesse che li attendono. La prima è la scelta del Primo Ministro che dovrà […]

Read More Sfide impegnative attendono il prossimo Primo Ministro iracheno 

L’ “Asse della Resistenza” contro l’ “Asse della Normalizzazione” in Iraq. 

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Un gruppo di studiosi palestinesi recatosi nella città santa di Karbala per commemorare il martirio dell’Imam Hussein bin Ali bin Abi Talib ha inneggiato alla “protezione della moschea di al Aqsa” a Gerusalemme scandendo  “morte a Israele”. Contemporaneamente in una conferenza tenutasi nel Kurdistan iracheno, nella città di Erbil, […]

Read More L’ “Asse della Resistenza” contro l’ “Asse della Normalizzazione” in Iraq. 

L’iniziativa dell’Iran spinge i paesi arabi e la comunità internazionale ad abbracciare la Siria 

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  L’effetto domino messo in moto dalle petroliere iraniane che facendo scalo in Siria riforniscono di carburante il Libano ha avuto come conseguenza quella di aumentare in modo significativo l’influenza di Hezbollah in Libano e ha raggiunto gli Stati Uniti, la Russia e molti stati arabi. Così importanti questioni regionali e […]

Read More L’iniziativa dell’Iran spinge i paesi arabi e la comunità internazionale ad abbracciare la Siria 

Alleanze elettorali segrete in Iraq:  è Moqtada al-Sadr a condurre le danze

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Si sono formate nuove alleanze negli incontri a Baghdad tra i gruppi politici sciiti che hanno il più significativo numero di seggi in parlamento, seggi grazie ai quali possono selezionare, insieme ai leader scelti dai curdi e dai sunniti, il primo ministro, il presidente della repubblica e il […]

Read More Alleanze elettorali segrete in Iraq:  è Moqtada al-Sadr a condurre le danze

Il governo del Libano ha potuto vedere la luce grazie all’Iran 

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Dopo 13 mesi segnati da conflitti interni e dalle dimissioni di coloro che erano stati indicati come primi ministri, finalmente il Libano ha un governo che, seguendo le linee dettate dal presidente Aoun (senza emendamenti significativi), ha potuto vedere la luce solo grazie all’Iran.  Quando Saad Hariri  rassegnò […]

Read More Il governo del Libano ha potuto vedere la luce grazie all’Iran 

La Francia si piega agli Stati Uniti e alle loro accuse a Hezbollah rendendosi complice della deportazione illegale di un cittadino libanese

Dalla Francia, Elijah J.Magnier  Tradotto da A.C.  “Questo caso è collegato al terrorismo (a Hezbollah in Libano)? No e se così fosse sarebbe stato sottoposto al giudice incaricato”. Questo è quanto l’ispettore generale della giustizia francese, il giudice Baudoin Thouvenot ha detto quando gli sono state chieste informazioni sulla “Operazione Cedri”. Hezbollah è stato accusato di […]

Read More La Francia si piega agli Stati Uniti e alle loro accuse a Hezbollah rendendosi complice della deportazione illegale di un cittadino libanese

“I Talebani sono un fatto compiuto e stabiliremo un contatto con loro”… e al-Qaeda?

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  “I Talebani hanno vinto e dovremo parlare con loro” ha detto Joseph Borrell, l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari Esteri nella sua prima cauta ma positiva presa di posizione nei confronti del movimento dei Talebani. I Talebani oggi sono i padroni dell’Afghanistan e sono impegnati a formare un […]

Read More “I Talebani sono un fatto compiuto e stabiliremo un contatto con loro”… e al-Qaeda?

Il Libano sotto massima pressione, il bersaglio è Hezbollah: l’Iran invia il suo sostegno

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Il Libano è oggi, come non mai, sotto pressione economica e sociale, è questo il prezzo da pagare per le capacità militari possedute da Hezbollah, fonte di minaccia per Israele. Le opzioni che gli vengono date da coloro che vogliono metterlo all’angolo (malgrado decenni di corruzione interna e […]

Read More Il Libano sotto massima pressione, il bersaglio è Hezbollah: l’Iran invia il suo sostegno

Tutti gli occhi puntati su Kabul, cos’è che preoccupa?

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  In Medio Oriente e nel mondo stanno tutti osservando come si sviluppa la situazione nella capitale afgana, Kabul, in mano ai Talebani dopo che il presidente Ashraf Ghani, il suo vice Omarullah Saleh e altre cariche dello stato sono fuggiti dal paese.  La fuga dei leader afgani ha spinto l’ex […]

Read More Tutti gli occhi puntati su Kabul, cos’è che preoccupa?

Israele la smetterà di giocare e di rompersi le corna nel campo dell’ “Asse della Resistenza”?

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Un capitano romeno e un addetto alla sicurezza britannico sono morti in seguito ad un attacco di droni che ha preso di mira la petroliera M/T Mercer Street, una nave battente bandiera liberiana di proprietà giapponese ma gestita dalla società Zodiac Group del  miliardario israeliano  Eyal Ofer che, partita dalla Tanzania, si […]

Read More Israele la smetterà di giocare e di rompersi le corna nel campo dell’ “Asse della Resistenza”?

Gli Stati Uniti restano in Iraq grazie ai perduranti conflitti interni..…ma anche per combattere l’Iran

Di Elijah J. Magnier Tradotto da A.C.  Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro iracheno Mustafa al-Khademi hanno siglato un accordo che stabilisce che la missione di combattimento degli Stati Uniti in Iraq terminerà entro la fine del 2021. Prima del decollo dell’aereo che lo avrebbe portato alla Casa Bianca al-Khademi ha detto : […]

Read More Gli Stati Uniti restano in Iraq grazie ai perduranti conflitti interni..…ma anche per combattere l’Iran

La scure delle sanzioni economiche cala non solo sull’Iran ma anche sull’ ”Asse della Resistenza”: è la guerra che agli Stati Uniti costa meno in assoluto.

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  L’amministrazione americana ha cambiato la sua strategia in Medio Oriente senza comunque modificare i suoi fini e la sua pretesa di egemonia nella regione. Uno scontro militare con la Siria e il Libano non è più un’opzione praticabile in quanto il suo costo (materiale e in vite umane) […]

Read More La scure delle sanzioni economiche cala non solo sull’Iran ma anche sull’ ”Asse della Resistenza”: è la guerra che agli Stati Uniti costa meno in assoluto.

Siria e Iraq si impongono nell’agenda di Biden

Scritto da Elijah J.Magnier  Tradotto da A.C.  La resistenza irachena e quella siriana aumentano i loro attacchi contro i convogli che trasportano attrezzature logistiche nelle basi militari degli Stati Uniti in Iraq e anche in quelle sotto la loro protezione in Siria, vicino alle basi aeree e ai giacimenti petroliferi. Ad incoraggiare questi attacchi sono […]

Read More Siria e Iraq si impongono nell’agenda di Biden

Israele insegna l’odio ma la “Spada di Gerusalemme” è diventata la Custode della Palestina

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Tacciono le armi dopo che Israele ha dichiarato unilateralmente il cessate il fuocoincondizionato, i gruppi della resistenza palestinese l’hanno approvato e la battaglia, almeno per ora, può considerarsi finita. Alle 2 del mattino di venerdì 21 maggio in seguito a intensi negoziati a cui hanno partecipato gli Stati Uniti, […]

Read More Israele insegna l’odio ma la “Spada di Gerusalemme” è diventata la Custode della Palestina

Palestina: avrà l’ultima parola chi resiste più a lungo

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  La particolare intensità degli scontri in corso tra Palestinesi e Israele è lo specchio di paradossi che non potranno essere risolti a breve. L’approccio israeliano a ciò che sta succedendo appare formale e allo stesso tempo fuorviante. Il capo di stato maggiore delle IDF (forze di difesa israeliane) […]

Read More Palestina: avrà l’ultima parola chi resiste più a lungo

Gaza ha leso il prestigio di Israele

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Gaza, con le diverse fazioni che vi convivono, ha risvegliato la coscienza collettiva di un popolo, quello palestinese, che oggi più che mai si sente parte della Palestina nella sua interezza e ha inoltre raggiunto lo scopo di assestare un duro colpo al prestigio di Israele nonostante il primo […]

Read More Gaza ha leso il prestigio di Israele

Perchè Hezbollah ha indetto una mobilitazione generale in Li-bano?

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Il 9 maggio Israele inizierà una massiccia esercitazione militare al confine con il Libano in cui saranno impegnati tutti i settori dell’esercito, decine di migliaia di soldati e ufficiali. La notizia di questa grande manovra militare ha fatto scattare una mobilitazione generale nelle file di Hezbollah che si prepara […]

Read More Perchè Hezbollah ha indetto una mobilitazione generale in Li-bano?

L’Iran darà l’addio a Vienna alla fine del mese se Biden non revoca tutte le sanzioni

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  Tutte le delegazioni che partecipano ai negoziati hanno fatto ritorno nelle loro rispettive capitali dopo l’ultimo giro (il terzo) di consultazioni a Vienna e l’ottimismo traspare dalle dichiarazioni dei loro portavoce. Il vice-ministro degli esteri iraniano Abbas Araghchi ha diffuso informazioni, positive, in merito ad una probabile  revoca delle […]

Read More L’Iran darà l’addio a Vienna alla fine del mese se Biden non revoca tutte le sanzioni

Perché Zarif attribuisce a Soleimani la colpa dell’insuccesso del governo

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  La diffusione di una  intervista durata tre ore  fatta dall’economista e consigliere presidenziale iraniano Saeed Laylaz al ministro degli esteri  Javad Zarif ha sollevato un putiferio in Iran e all’estero. La reazione al colloquio tra i due, avvenuto nel marzo scorso e la cui registrazione  avrebbe dovuto rimanere negli archivi del ministero […]

Read More Perché Zarif attribuisce a Soleimani la colpa dell’insuccesso del governo

Il riavvicinamento tra Iran e Arabia Saudita: cosa ne pensano gli Stati Uniti?

Di Elijah J. Magnier  Tradotto da A.C.  In seguito al primo incontro tra le delegazioni dell’Iran e dell’Arabia Saudita che si è svolto a Baghdad il 9 aprile, entrambe le parti hanno stabilito di riprendere i colloqui alla fine di questa settimana, sempre nella capitale irachena. Dopo la prima riunione e dopo essersi scambiate le […]

Read More Il riavvicinamento tra Iran e Arabia Saudita: cosa ne pensano gli Stati Uniti?