La Siria non è nella lista delle priorità di Biden

Di Elijah J. Magnier 

Tradotto da A.C. 

Molto difficilmente il presidente Biden metterà la Siria nella lista delle sue priorità per la semplice ragione che nessuna delle soluzioni che si prospettano finora si sposa con gli interessi degli Stati Uniti. Quindi si prevede (perlomeno nel primo anno di questa nuova amministrazione) che le truppe americane che attualmente occupano il nordest del paese e il valico di frontiera di Al-Tanf (che separa la Siria dall’Iraq), restino dove sono e che rimangano tali e quali tutte le misure prese nei confronti di Damasco. E così l’amministrazione Biden presumibilmente potrà ottenere dei vantaggi dalle sanzioni imposte da Donald Trump senza che ci siano modifiche di rilievo. Ed è pure molto probabile che gli Stati Uniti continuino ad interpretare in modo sbagliato le   dinamiche locali, a incoraggiare i conflitti e le divisioni tra le popolazioni che abitano nello stesso paese senza mai smettere di credere, erroneamente, di poter cambiare i regimi attraverso l’imposizione di pesanti sanzioni.  

Gli Stati Uniti dovranno sicuramente prendere in esame una serie di fattori importanti prima di fare dei passi che cambino la loro posizione e la loro politica nei confronti della Siria. Washington innanzitutto privilegia gli interessi e la sicurezza nazionale di Israele nel Levante. E Tel Aviv ritiene che tenere le truppe d’occupazione americane nel nordest della Siria e al valico di al-Tanf sia importantissimo al fine di rallentare o cercare di impedire il flusso della logistica e dei commerci tra Beirut, Damasco, Baghdad e Teheran. Però le forze ausiliarie, quelle siriane e gli alleati dell’Iran hanno preso il controllo del valico di frontiera di Albu Kamal, più a nord. Fu una mossa orchestrata dal generale iraniano Qassem Soleimani (assassinato dagli Stati Uniti all’aeroporto di Baghdad nel gennaio 2020) che sorprese e amareggiò moltissimo le forze americane oltre a guastare la festa agli israeliani intenti a celebrare il controllo degli Stati Uniti sul più importante posto di frontiera tra l’Iraq e la Siria, quello di al-Tanf. 

La presenza delle truppe degli Stati Uniti in Siria fornisce un appoggio morale e militare a Israele e gli garantisce le informazioni raccolte dalla loro intelligence. Tel Aviv dichiara di aver lanciato più di mille attacchi contro vari obbiettivi in Siria a partire dal 2011, l’anno dell’inizio della guerra. Israele può infatti contare sul fatto che ci siano le forze americane nei paraggi (nonostante ci siano le loro basI in Israele) per riuscire a intimidire la Siria e far sì che i suoi leader non mettano in atto una strategia della dissuasione che gli impedirebbe di violare la sovranità del paese a suo piacimento. La presenza degli Stati Uniti infatti può essere utile a convincere il presidente siriano Bashar al-Assad a pensarci bene prima di attuare una ritorsione magari lanciando contro Israele una decina di quei missili di precisione che ha ricevuto dall’Iran. Finora le violazioni di Israele del territorio e quindi della sicurezza siriana  hanno avuto un costo irrilevante. E l’assenza di una risposta adeguata da parte di Assad non può che generare altri attacchi israeliani. Il presidente siriano ha deciso di non seguire l’esempio di Hezbollah che con le sue minacce ha causato il ritiro dell’esercito israeliano dal confine con il Libano per sei mesi ( e ancora oggi resta invisibile): la paura che si avverasse la promessa del segretario generale Sayyed Hassan Nasrallah di uccidere per vendetta un soldato israeliano era consistente. 

Pertanto Israele farà di tutto per riuscire ad influenzare l’amministrazione Biden e convincerla a non ritirare le truppe dalla Siria. Questo farà sì che non ci siano dei cambiamenti nel corso di quest’anno anche perché ovviamente non è facile per gli Stati Uniti decidere di abbandonare il valico di frontiera che separa la Siria dall’Iraq. Il secondo motivo è che Joe Biden vede nella Russia un avversario.  Infatti il presidente Putin ha ordinato l’ampliamento dell’aeroporto siriano di Hmeimin (che opera sotto il comando e l’amministrazione russa nel governatorato occidentale di Latakia)   per ospitare i bombardieri strategici che trasportano bombe nucleari. E questo significa che la Russia sta costruendo una base 

Subscribe to get access

Read more of this content when you subscribe today.

che sfida quella americana e turca di Incirlik  in cui ci sono cinquemila soldati americani e cinquanta bombe nucleari che sono parte delle riserve della NATO, una base da cui partirebbe la risposta ad un attacco russo nel caso di guerra nucleare. Per la Russia la Siria è diventata il suo fronte avanzato contro la NATO, la sua finestra sul Mediterraneo e la sua indispensabile base navale in Medio Oriente.

L’ex presidente Donald Trump aveva ordinato il ritiro di gran  parte delle sue truppe da molte zone del nordest siriano, nei governatorati di Hasaka, Deir ez-Zor e Raqqa. Il ritiro permetteva  alla polizia militare russa e all’esercito siriano di schierarvi le loro forze in gran numero e di controllare una serie di posizioni lungo il confine tra Siria e Turchia. Biden a questo punto non è più in grado di riavere quel pieno controllo delle province che gli Stati Uniti avevano prima dell’avanzata russo-siriana e deve lasciare il nordest alla Russia e all’esercito di Damasco. Quindi l’opzione migliore per la nuova amministrazione americana potrebbe essere quella di lasciare le cose come stanno. Se invece Biden ordinasse alle sue truppe di andarsene da tutte quelle zone che    occupano ancora in Siria verrebbe accusato di lasciare il paese nelle mani della Russia, un avversario dell’America, nonché di rompere l’equilibrio esistente tra le due superpotenze e di nuocere agli interessi degli Stati Uniti nel Levante. 

Per quanto riguarda i curdi Biden non può, per la pressione esercitata sugli Stati Uniti da Israele e dalla lobby curda, ma anche per via del sostegno di cui gode la causa di questo popolo in Occidente, lasciarli come se niente fosse alla mercè della Turchia che li perseguiterebbe considerandoli terroristi. Le YPG siriane (Unità di Protezione popolare) finanziate   e armate dagli Stati Uniti e da qualche stato europeo, sono il ramo siriano del PKK , il Partito dei Lavoratori del Kurdistan che è considerato un’organizzazione terroristica dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea (e anche dalla Turchia). 

Fino ad ora gli Stati Uniti hanno impedito ai curdi di trattare con il governo di Damasco il rientro di queste province nello stato. Su richiesta americana i curdi preferirebbero abbandonare la città di Afrin alla Turchia piuttosto che consegnarla al governo siriano. Gli Stati Uniti come compensazione per la Turchia vorrebbero che continuasse ad avere l’accesso diretto da Afrin e Idlib per mantenere divisa la Siria. I turchi a questo punto si tranquillizzerebbero visto che non apprezzano affatto l’atteggiamento protettivo degli Stati Uniti nei confronti dei curdi. Washington vorrebbe anche continuare a tenere la Russia sotto pressione in un paese tutt’altro che unito e non controllato per intero dal governo di Damasco. L’aver permesso alla Turchia di occupare Idlib e Afrin e ai curdi di avere il controllo delle risorse più importanti, petrolio e agricoltura, ha inferto un duro colpo al processo di ricostruzione della Siria e ostacola non poco il suo ritorno alla prosperità dopo dieci anni di guerra. 

Se il presidente Biden decidesse di normalizzare i rapporti con il presidente Assad la sua amministrazione sarebbe sottoposta ad una fortissima pressione. Non ci sarebbero più motivi per tenere le truppe in Siria. E Biden verrebbe attaccato aspramente da molti guerrafondai occidentali (che nel corso degli anni hanno fatto di tutto per rovesciare Assad e cambiare il regime senza però riuscirci) dovesse mai dare il via ad un processo di distensione. A questo punto è chiaro che Biden non può fare la scelta di abbandonare i curdi. 

Per quanto riguarda invece l’Iran, è risaputo che gli Stati Uniti e Israele vorrebbero che non restasse in Siria ma non hanno gli strumenti per poter obbligare gli alleati di Teheran e i suoi consiglieri militari ad andarsene. La Russia non è riuscita a convincere Assad a farlo perché il presidente della Siria tiene in  grande considerazione i suoi rapporti con l’Iran, il paese di cui si fida di più in assoluto. Teheran non ha mai imposto nulla al presidente siriano e Assad sa perfettamente che i due paesi hanno un destino comune. Quindi l’opzione resta aperta. Non si prevede che Biden cambi posizione e neppure che possa immaginare uno scenario in cui l’Iran sia destinato a fare le valige a meno che non ci sia contemporaneamente un ritiro americano. Ma se anche tutto ciò avvenisse l’influenza dell’Iran in Siria non diminuirebbe, indipendentemente dalla partenza o meno dei consiglieri iraniani.

Riguardo alla Turchia, non c’è molto da stare allegri. Biden vorrebbe che Ankara rinunciasse ai sistemi di difesa missilistica russi S-400. Ma non ha la possibilità di imporre dei cambiamenti ai rapporti tra la Turchia e la Russia perché i due paesi sono ormai arrivati ad un livello notevole di cooperazione. In seguito alla costruzione del Turkstream, il gasdotto che parte da Anapa, sulla costa russa per raggiungere la Turchia, la Bulgaria e la Serbia, gli scambi a livello turistico e commerciale sono aumentati in modo significativo. Il presidente Recep Erdogan che guida il secondo paese più potente della NATO chiede la fine dell’appoggio statunitense ai curdi siriani. Vorrebbe che il presidente Biden portasse i suoi soldati fuori dalla Siria e gli consegnasse il nordest del paese così potrebbe eliminare I curdi e annettersi parti della Siria come ha fatto con Idlib e Afrin. Ma Biden adesso non lo può fare.

La nuova amministrazione guidata dal presidente Joe Biden non  dispone di grandi opzioni. Probabilmente manterrà le sanzioni che colpiscono duramente la popolazione della Siria e trarrà  benefici proprio da quelle cosiddette “trumpiste” (imposte da Donald Trump) contenute nel “Caesar Civilian Protection (punishment) Act” ovvero la “legge di Cesare”. Il presidente americano vivrà nella speranza che, in un modo o nell’altro, cambi qualcosa e che quindi la posizione degli Stati Uniti in Siria migliori. In Siria si stanno avvicinando le elezioni presidenziali e naturalmente nei prossimi mesi e anche anni Assad non cadrà. Nonostante questa guerra devastante che dura da ormai dieci anni e che ha visto la  partecipazione di tanti paesi occidentali e arabi lui è rimasto al potere. La vera  svolta potrebbe esserci se le forze americane in Iraq e Siria fossero obbligate ad andarsene, una possibilità che potrebbe avverarsi in futuro proprio durante il mandato di Biden.  

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.