Quando Hezbollah sbandiera le opzioni della Cina e l’Iran, gli Stati Uniti tremano

BEIRUT, May 27, 2020 — Chinese Ambassador to Lebanon Wang Kejian R presents a gift to Lebanese Culture Minister Abbas Mortada during a ceremony at the Lebanese Culture Ministry in Beirut, Lebanon, May 27, 2020. China and Lebanon signed on Wednesday an agreement aimed at creating cultural centres in both countries, said a statement by the Chinese embassy in Lebanon.(Photo by Bilal Jawich/Xinhua via Getty) (Xinhua/ via Getty Images)

Di Elijah J. Magnier:  @ejmalrai

Sotto l’occhio vigile dei droni israeliani e statunitensi, Hezbollah sta immagazzinando centinaia di tonnellate di scorte alimentari, fornite dall’Iran, in decine di magazzini improvvisati al confine siro-libanese. Questo nuovo e insolito passo di Hezbollah riflette la recente promessa del segretario generale Sayyed Hassan Nasrallah di prevenire la minaccia della fame che incombe sulla popolazione libanese. 

La guerra Usa-Israele contro l'”Asse della Resistenza” continua ma con strumenti diversi. Si passa dalle guerre con gli eserciti sul campo, come gli Usa in Afghanistan nel 2001 e in Iraq nel 2003, e come Israele in Libano nel 2006, all’assassinio di personalità militari importanti in Iraq. E ora comincia la guerra delle sanzioni contro l’Iran, la Siria e il Libano e l’intimidazione dell’Iraq. Lo scorso gennaio, dopo l’uccisione illegale del generale Iraniano Qassem Soleimani da parte degli Usa – la relatrice dell’Onu Agnes Callamard l’ha definita come “un atto di guerra” – il presidente Donald Trump ha minacciato di schiaffeggiare le sanzioni all’Iraq “come non si era mai visto prima” se Baghdad avesse chiesto alle truppe Usa di ritirarsi dalla Mesopotamia. L’Iran è sopravvissuto a 40 anni di continue e crescenti sanzioni Usa, e la Siria si è appena trovata di fronte alla dura e unilaterale sanzione del “Caesar’s Act”: il Paese è già stato oggetto di sanzioni UE-USA negli ultimi nove anni.

Advertisements
Advertisements
Advertisements

La terribile situazione economica e la forte svalutazione della moneta locale che ha portato a un’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari stanno spingendo il governo libanese e il Hezbollah a cercare soluzioni distinte lontane dal dettato e dagli obiettivi statunitensi. A tal fine, Sayyed Nasrallah ha proposto che il governo guardi ad Est, alla Cina e alla Russia, senza necessariamente voltare le spalle all’Occidente, a meno che gli Stati Uniti non continuino la loro dura punizione che sta colpendo l’intera popolazione libanese. 

Il suggerimento di Sayyed Nasrallah che il governo “vada ad Est” ha creato una tempesta a Washington, consapevole della crescente minaccia della colossale economia cinese e dei suoi partner in tutto il mondo che stanno minacciando l’egemonia statunitense. L’ambasciatrice statunitense in Libano Dorothy Shea ha criticato l’ouverture del Libano alla Cina con una mossa che indica la confusione dell’amministrazione statunitense. Il “colpo basso” di Sayyed Nasrallah ha spinto l’amministrazione statunitense fuori equilibrio. Sayyed Nasrallah ha proposto di girare la bussola del Libano verso i due Paesi (Cina e Iran) dichiarati più spregevoli dall’amministrazione Trump. Questi paesi hanno la capacità di contrastare le azioni degli Stati Uniti contro il Libano.

Subscribe to get access

Read more of this content when you subscribe today.

Questo strangolamento economico è indicato come una “guerra morbida” perché non costa agli Stati Uniti e a Israele nessuna perdita umana. Tuttavia, ciò che la pianificazione degli Stati Uniti non prevedeva è la reazione del campo opposto. L'”Asse della Resistenza” è stato spinto ad essere più creativo, a imparare modi per sopravvivere in solidarietà e a superare le difficili sfide poste da Stati Uniti e Israele.

L’Iran ha promesso di sostenere i suoi alleati in Medio Oriente (e nei Caraibi) esportando petrolio in Venezuela sotto gli occhi vigili ma impotenti degli Stati Uniti. Mentre gli Stati Uniti trattano coloro che si credono alleati come pedine ‘usa e getta’, interessati solo al benessere di Israele. Infatti, l’ambasciatore statunitense, in un incontro privato con il primo ministro Diab, ha sollevato la richiesta israeliana di stabilire confini marittimi e terrestri tra il Libano e Israele, richiesta che il governo di Beirut ha sempre respinto. Gli Stati Uniti stanno cercando di offrire soluzioni temporanee al Libano per mantenerlo in un limbo e dipendente dall’umore e dalla benedizione di Washington, a patto che il governo libanese non faccia quel passo reale verso la Cina per acquistare le infrastrutture necessarie per il paese.

La capacità militare di Hezbollah ha confermato una solida sede per l’organizzazione in molti teatri del Medio Oriente. L’ultimo discorso di Sayyed Nasrallah non mirava ad aumentare la sua popolarità, ma era un piano d’azione per preparare il suo gruppo a coprire alcuni dei bisogni della popolazione. Gli Stati Uniti potrebbero infatti pensare a ulteriori sanzioni e ad altri modi per contrastare Hezbollah. La cosiddetta “guerra morbida” è solo all’inizio, ma l'”Asse della Resistenza” sembra indubbiamente pronto a produrre contromisure.

Copyright © https://ejmagnier.com   2020 

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.