Non c’è nessun accordo iraniano-americano e nessuna tregua in Iraq

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai

Tradotto da: Elijah J. Magnier

Mustafa Al-Kazemi è stato scelto come primo ministro dopo difficili negoziati segnati da un disaccordo intra-Shiita. Il Presidente della Repubblica, Barham Salih, aveva sfruttato questo disaccordo quando aveva sfidato la maggioranza sciita in Iraq scegliendo un candidato anti-iraniano e pro-americano, Adnan Al-Zurfi. La nomina di Al-Kazemi è una risposta a questa mossa; i blocchi sciiti avevano già fatto circolare il suo nome diversi mesi fa. 

Quando Adel Abdul-Mahdi, il Primo Ministro custode, si è dimesso, sono iniziate le consultazioni tra vari leader politici sciiti per trovare un candidato che godesse del sostegno della maggior parte dei blocchi. Un compito che, in passato, era sempre stato affidato al comandante iraniano dell’IRGC-Quds, il generale maggiore Qassim Soleimani (assassinato a tradimento dal presidente Donald Trump all’aeroporto di Baghdad) e allo sceicco Muhammad Kawtharani, che rappresenta il segretario generale libanese di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah. Sayyed Nasrallah gode di grande rispetto e di uno stretto rapporto personale con tutti i partiti iracheni di diverse religioni e politiche (sciiti, sunniti, curdi, tribali e altri) con i quali è regolarmente in contatto. I leader iracheni non sono riusciti a raggiungere l’accordo senza un intervento esterno.

Molti gruppi sciiti hanno categoricamente respinto il candidato del presidente Saleh (al-Zurfi) e hanno deciso di opporsi alla sua candidatura. Tuttavia, la selezione di Al-Kazemi come nuovo primo ministro non è avvenuta fino a quando Teheran non ha chiesto a tutti i blocchi sciiti di unificare la loro decisione, di ignorare al-Zurfi e scegliere un candidato che tutti potessero essere d’accordo. 

È così che al-Kazemi ha raggiunto la premiership:

Sayyed Ammar al-Hakim, sostenuto da Muqtada al-Sadr, è stato il primo a promuovere Mustafa Al-Kazemi l’anno scorso, dopo le dimissioni di Abdel-Mahdi. Tuttavia, altri blocchi sciiti hanno rifiutato di accettare qualsiasi ufficiale commandante della brigate antiterrorismo, capo dei servizi segreti o qualsiasi altro ufficiale appartenente all’establishment della sicurezza militare. Molti blocchi sciiti sono preoccupati per qualsiasi candidato con un profilo simile a quello di Saddam Hussein. L’esperienza di Nuri al-Maliki in controllo – colui che si è rifiutato di condividere il potere con sciiti, sunniti e curdi – è ancora viva nella memoria di questi leader.

A causa del disaccordo all’interno del blocco sciita, Qusay al-Suhail cadde e fu seguito dal governatore di Bassora, Asaad Al-Eidani, quando il presidente Barham Salih rifiutò di rispettare la costituzione e di nominare il candidato del più grande blocco. Saleh ha giocato sul disaccordo intrasciita, principalmente tra il blocco di Al-Fatah guidato da Hadi al-Amiri e il blocco di Saeroun guidato da Sayyid Muqtada al-Sadr.

Poiché i manifestanti hanno rifiutato qualsiasi candidato nominato dai blocchi politici dominanti, Sayyid Muqtada ha cercato di cavalcare l’onda considerandosi il rappresentante dei manifestanti che in realtà lo hanno rifiutato come hanno fatto con altre figure dell’establishment. Successivamente, il presidente Saleh è stato invitato da Sayyed Moqtada a rifiutare qualsiasi nome con cui non fosse d’accordo. Moqtada sosteneva di essere lui, non Al-Amiri, a detenere il blocco più grande. 

Più tardi, Muhammad Allawi fallì anche perché si rifiutò di consultare i sunniti, i blocchi curdi e alcuni sciiti nella scelta dei membri del suo gabinetto. Allawi credeva erroneamente di poter contare sul sostegno di Sayyed Muqtada Al-Sadr, che aveva promesso di portare tutti in Parlamento con ogni mezzo per approvare il gabinetto di Allawi. Moqtada non riuscì a convincere gli sciiti, i sunniti e i curdi, e non riuscì a portare Allawi al potere.

Tuttavia, il presidente Saleh si è spinto oltre, basandosi sulla costituzione irachena piuttosto che sul consenso prevalente tra gli iracheni (sciiti, sunniti e curdi), e ha nominato Adnan al-Zrafi, che è anti-iraniano e filo-americano. Molti blocchi politici e organizzazioni sciite hanno annunciato il loro rifiuto di al-Zarfi. Allo stesso tempo, il candidato del partito Da’wa (Adnan al-Zarfi) ha goduto del sostegno del suo blocco, guidato dall’ex primo ministro Haider al-Abadi. Al-Zurfi è stato anche segretamente sostenuto da Nuri al-Maliki (anche lui fa parte del partito Da’wa), che voleva che la posizione di primo ministro tornasse al partito Da’wa (dal 2005 e fino al 2018 Da’wa ha ricoperto la carica di primo ministro). Al-Zurfi godeva anche del sostegno di Sayyed Muqtada al-Sadr, a cui era stato promesso il controllo di qualsiasi gabinetto ministeriale o di qualsiasi altra posizione di alto livello all’interno dello Stato iracheno.

Nonostante la dichiarazione ufficiale dell’Iran che non si è opposto alla nomina di Al-Zurfi, la realtà era diversa. Al-Zurfi è stato tacitamente accusato di aver bruciato il consolato iraniano a Najaf e Karbala durante le manifestazioni degli ultimi mesi. L’ammiraglio Ali Shamkhani – che, insieme al generale maggiore Qassim Soleimani, era responsabile dei rapporti tra Iran e Iraq – ha visitato l’Iraq, seguito da una breve visita del generale Ismail Qa’ani. Entrambi gli uomini hanno portato un messaggio agli iracheni: “Non siamo in disaccordo con la scelta di Mustafa Al-Kazemi, se è la vostra scelta, e ci piacciono i buoni rapporti con lui”. L’Iran non ha mai detto queste parole su al-Zurfi.

Il leader curdo Masoud Barzani ha annunciato il suo sostegno ad al-Kazemi. Il leader sunnita, il presidente della Camera Muhammad al-Halbousi, ha seguito l’esempio del leader curdo. Barzani voleva mandare un messaggio ai blocchi sciiti, così non avrebbero più scelto un candidato alla presidenza che non avesse un’autorità curda al di sopra di lui, come è successo con il presidente Saleh.

Saleh è stata la scelta di Qassem Soleimani e oggi si è rivelato un errore dal punto di vista dei blocchi iraniani e sciiti. Fouad Hussein, il ministro delle Finanze, fu la scelta di Erbil, ma Soleimani lo considerava all’epoca il candidato dell’inviato presidenziale americano Brett McGurk. Per questo Soleimani chiese agli sciiti, ai sunniti e ai suoi alleati curdi di Sulaimaniyah di non votare per Hussein, ma di promuovere Barham Saleh. Saleh disse a Soleimani nel 2018 che avrebbe nominato immediatamente il candidato che voleva. Così Adil Abdul Mahdi è stato eletto primo ministro.

Non c’è mai stata un’intesa tra Usa e Iran in Iraq. Invece, quando i possibili candidati sono stati scelti per attirare un minimo di opposizione da parte degli iraniani e degli americani. Al-Kazemi gode di buoni rapporti con Riyadh, Teheran e Washington, come è stato il caso del primo ministro custode Abdul-Mahdi. Abdil Mahdi era stato sostenuto da Washington eppure, un anno dopo, è stato lui a presentare una bozza di proposta al Parlamento iracheno chiedendo il ritiro di tutte le forze straniere dall’Iraq.

Al-Kazemi, che ha promesso di sostenere le “Forze di mobilitazione popolare” (Hashd al-Shaabi), ha accettato di chiedere il ritiro di tutte le forze statunitensi dall’Iraq, come previsto dalla decisione costituzionale vincolante del Parlamento iracheno. Teheran ha convinto il suo alleato, Kataeb Hezbollah al-Iraq, che aveva pubblicamente accusato Al-Kazemi di essere responsabile dell’assassinio del comandante Soleimani e di Abu Mahdi al-Muhandis, ad accettare al-Kazemi come Primo Ministro e ad aspettare di vedere le sue azioni prima di giudicarlo. Il prezzo dell’assassinio di Soleimani e Muhandes è il totale ritiro delle forze statunitensi dall’Iraq, e non di al-Kazemi.

Questa volta – dopo tre tentativi falliti di nominare un primo ministro – Al-Kazemi sarà sostenuto per formare il suo gabinetto e avrà il sostegno parlamentare necessario. Tuttavia, dovrà affrontare gravi difficoltà e sfide. 

Gli Stati Uniti stanno ridispiegando le proprie forze e non mostrano alcuna intenzione di ritirarsi completamente. Al-Kazemi non sarà in grado di cercare un facile ritiro dagli Stati Uniti e non sarà in grado di disarmare le organizzazioni irachene come ha promesso di fare. Inoltre, dovrà affrontare un vero problema economico perché l’Iraq soffre di un basso prezzo del petrolio e di debiti esterni. Il reddito dell’Iraq è di poco superiore ai 30 miliardi di dollari, mentre ha bisogno di 80 miliardi per pagare gli stipendi e mantenere le infrastrutture così come sono. Al-Kazemi non sarà in grado di rispondere alle richieste della strada perché semplicemente non ha abbastanza soldi. 

L’Iran non ha paura di chi siede ai vertici del governo iracheno; l’amico di oggi potrebbe rivelarsi il nemico di domani. Teheran gode di sufficienti contatti con i leader politici e i comandanti militari e i capi delle organizzazioni in Iraq. L’Iran ha conosciuto in passato un Primo Ministro aggressivo, Haidar Abadi, e si è fatto strada in Iraq, un Paese sensibile all’equilibrio tra i suoi leader politici. Gli Stati Uniti non hanno abbastanza influenza in Iraq per eguagliare quella dell’Iran.

Grazie in anticipo a tutti coloro che, dopo aver letto questo articolo, vorranno contribuire, anche solo con un euro, alla continuità delle informazioni!! 

Copyright © https://ejmagnier.com 2020 

[wpedon id=”2575″ align=”right”]

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.