La resistenza colpisce gli Stati Uniti che risponde chiedendo una tregua in Iraq

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai

Nuove organizzazioni anonime in Iraq hanno minacciato di colpire le forze statunitensi se si rifiutano di ritirarsi dall’Iraq. Una di queste nuove organizzazioni ha rilasciato il suo primo video di un attacco contro un convoglio militare statunitense che trasportava veicoli sulla strada tra la provincia curda di Erbil e la provincia settentrionale di Salahuddin, dove gli Stati Uniti mantengono grandi basi militari.

L’ambasciatore statunitense Matthew Tueller ha incontrato il primo ministro Adil Abdul-Mahdi, che ha espresso la volontà del suo Paese di avviare colloqui strategici con Baghdad. Gli Usa non hanno rivelato che il diplomatico statunitense ha informato Abdul-Mahdi dell’intenzione degli Usa di ritirare le forze dall’Iraq e della sua richiesta di non essere attaccato durante il ritiro delle truppe. In effetti, gli Stati Uniti hanno già evacuato forze da 6 basi e centri di controllo in diversi luoghi dell’Iraq. Questo è ciò che ha spinto il gruppo iracheno Kataeb (Brigate) Hezbollah ad annunciare che l’organizzazione non intende colpire le forze statunitensi fintanto che si ritireranno completamente dal Paese. 

Tuttavia, la resistenza irachena non si fida delle promesse degli Stati Uniti trasmesse al premier iracheno. Essa ritiene che gli Stati Uniti stiano manovrando per ridispiegare le forze dalle basi più vulnerabili a quelle più protette. Questo scetticismo ha fatto emergere una nuova resistenza irachena anonima e ha provocato attacchi contro le forze statunitensi in un modo che ricorda l’organizzazione della “Jihad islamica” degli anni ’80 in Libano, responsabile del rapimento e dell’uccisione di ufficiali e cittadini statunitensi e di altre nazionalità occidentali.

La prima organizzazione appena emersa si è identificata come “La lega Rivoluzionaria” (Usbat al-Thaereen). Nel suo primo comunicato, ha mostrato immagini di droni con un’eccellente risoluzione dell’ambasciata USA a Baghdad in tutti i suoi dettagli, edifici, elicotteri, movimenti di personale e forze militari all’interno.  Ciò che colpisce non sono solo i dettagli e l’alta qualità delle immagini del drone, ma anche il modo in cui un drone è riuscito a volare per lunghi minuti sugli edifici più sorvegliati all’interno della capitale irachena. Tre brigate dell’esercito iracheno (6, 11 e 17) sono dispiegate nella capitale Baghdad insieme alla forza antiterrorismo, al quartier generale della polizia federale, al Ministero dell’Interno e alla polizia locale. La maggior parte di queste hanno sede nella “Green Zone”, la zona verde, dove si trova l’ambasciata USA e gli edifici di vari ministeri. Le forze statunitensi sono dispiegate anche all’aeroporto di Baghdad (non lontano) e all’interno dell’ambasciata USA.

Non solo, pochi giorni dopo è stato distribuito alla stampa un secondo video con le riprese dei droni della più estesa base militare statunitense in Iraq, presso la base di Ein al-Assad nel deserto di Anbar. Il video mostrava depositi di armi, forze, edifici, torre di comando e controllo e base, hangar, piste di atterraggio e di decollo e molti altri dettagli dell’intera mappa della base. Ad Ayn al-Assad, gli Stati Uniti dispiegano i più sofisticati radar, i missili Patriot e altri sistemi di difesa che dovrebbero mettere in sicurezza la base.

Inoltre, il video era stato girato anche dall’esterno della base, mostrando la guida di un’auto lungo le mura della base americana di Ayn al-Assad, che indica la facilità di movimento del gruppo senza tener conto delle misure di sicurezza dispiegate lungo la strada.

Inoltre, il video era stato girato anche dall’esterno della base, mostrando la guida di un’auto lungo le mura della base americana di Ayn al-Assad, che indica la facilità di movimento del gruppo senza tener conto delle misure di sicurezza dispiegate lungo la strada.

L’organizzazione ha trasmesso una canzone entusiastica che dichiara il suo obiettivo di vendicare l’assassinio del generale maggiore Qassem Soleimani e del leader iracheno Abu Mahdi Al-Muhandis. Il dialetto del cantante indica che non è iracheno, anche se chiaramente il cantante è di madrelingua araba.

Un’altra nuova organizzazione chiamata “La Resistenza Islamica in Irak – gli Abitanti della Caverna” (riferendosi a Surat al-Kahf nel Corano) ha pubblicato un video in cui mostrava un ordigno esplosivo improvvisato che esplodeva in un convoglio che trasportava veicoli militari e, un minuto dopo, una seconda potente esplosione di ordigni esplosivi improvvisati quando il personale del convoglio si è riunito per valutare i danni. Si dice che il convoglio viaggiasse dal Kurdistan – Erbil al governatorato di Salah al-Din, nella regione di Uwaynat. Questo attacco è un messaggio per le forze statunitensi: non potrete vagare come volete in Iraq perché il paese è ormai insicuro, così come le vostre basi militari.

Una dichiarazione rilasciata da una terza nuova organizzazione irachena chiamata ” Fazioni della Resistenza Islamica – Iraq – il pugno di ferro” accusa l’America di prepararsi a lanciare un attacco contro le fazioni irachene, e dà agli ambasciatori americani e britannici 48 ore per partire, o sarebbero uccisi. Non è stato possibile confermare l’autenticità di questa dichiarazione. 

C’è da aspettarsi che in Iraq emergano più organizzazioni, che godano di capacità e capacità militari, mediatiche e organizzative. Queste hanno indubbiamente beneficiato dei lunghi anni di guerra in Libano tra Hezbollah e Israele, in Siria contro al-Qaeda e l’ISIS (lo Stato Islamico), e in Iraq contro gli Stati Uniti durante l’invasione 2003-2011 e contro l’ISIS dopo l’occupazione di un terzo dell’Iraq nel 2014.

Queste organizzazioni cercano vendetta contro gli Stati Uniti, che hanno assassinato il leader dell'”Asse della Resistenza”, il generale maggiore Qassim Soleimani, il vice comandante delle “Forze di Mobilitazione Popolare” (FMP) Abu Mahdi Al-Muhandis, e che hanno bombardato diverse basi dell’esercito iracheno, della polizia federale e del PMF ai confini tra Siria e Iraq, al-Qaem, e distrutto l’aeroporto civile di Karbala. La violazione da parte degli Stati Uniti del memorandum d’intesa firmato nel 2014 ha esasperato i funzionari politici, militari e molti altri gruppi di resistenza iracheni.

L’ambasciatore Usa ha visitato il custode Primo Ministro Adil Abdul-Mahdi per informarlo della sua decisione di lasciare l’Iraq e propone un grande incontro il prossimo giugno per concordare il meccanismo del ritiro dall’Iraq. L’ambasciatore ha chiesto a Abdul Mahdi di intervenire per fermare tutti gli attacchi contro le forze americane durante il ritiro e di mediare con l’Iran per raggiungere questo obiettivo, perché “l’America è seriamente intenzionata a procedere con l’uscita dall’Iraq”.

Le Brigate irachene Hezbollah, la Lega dei Giusti (Asaeb Ahl al-Haq), il Movimento Al-Nujabaa e le Brigate dell’Imam Ali hanno risposto alla richiesta iraniana di astenersi dall’opporsi ad al-Kazemi, nonostante la loro mancanza di fiducia in lui e nell’intenzione statunitense di ritirarsi. Queste fazioni hanno promesso di non attaccare le forze statunitensi fintanto che gli Stati Uniti dimostreranno di ritirare le loro forze dal Paese. Così, l’emergere di nuove organizzazioni mira a offrire una scusa a questi gruppi, che apparentemente non sono coinvolti in alcun attacco e che stanno “incoraggiando” gli Stati Uniti ad andarsene. Questi gruppi sono sconosciuti e nuovi sulla scena irachena. Pertanto, è facile per loro evitare le pressioni dei funzionari di Baghdad.

Tuttavia, lo stile di queste organizzazioni ci ricorda l’organizzazione della “Jihad islamica” in Libano, nata negli anni Ottanta, responsabile del sequestro di ostaggi in Libano e che lavorava direttamente sotto il comando dell’Iran. All’epoca non era collegata agli “Hezbollah” libanesi.

Sembra che gli Usa non abbiano letto con sufficiente attenzione i messaggi iraniani dopo l’assassinio del leader dell’Asse della Resistenza. Quando Sayyed Ali Khamenei ha detto: “Il prezzo dell’assassinio di Qassem Soleimani e Abu Mahdi Al-Muhandis è la partenza degli Stati Uniti dall’Asia occidentale” questo significava che la decisione era stata presa per costringere gli Stati Uniti ad andarsene a qualsiasi costo.

Sayyed Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah in Libano e dell'”Asse della Resistenza” in Libano, Gaza, Siria, Iraq e Yemen, ha detto che “ogni soldato americano è un bersaglio legittimo”. Si è chiesto, nel rivolgere la sua domanda agli Stati Uniti dopo l’assassinio di Soleimani e Muhandis: “cosa avete fatto? Sei consapevole del sangue che hai versato? Il suo messaggio era chiaro: “Hezbollah non resterà inattivo e prenderà di mira ogni soldato americano”. Sayyed Nasrallah disse esplicitamente: “L’Iraq è il campo di battaglia”.

Cacciare gli Stati Uniti dall’Asia occidentale è l’obiettivo. I metodi usati dalla resistenza irachena non saranno diversi da quelli usati contro Israele in Libano, in Siria e in Iraq nell’ultimo decennio. Saranno impiegati fino a quando l’ultimo soldato americano non lascerà l’Iraq.

Grazie in anticipo a tutti coloro che, dopo aver letto questo articolo, vorranno contribuire, anche solo con un euro, alla continuità delle informazioni!! 

Copyright © https://ejmagnier.com 2020 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.