Hezbollah tra due fuochi: la sua società e i suoi alleati domestici

Di Elijah J. Magnier: @ejmalrai

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah gode di un sostegno senza pari tra gli sciiti in Libano e, più in generale, tra l ‘”Asse della Resistenza” che egli guida di persona. È il leader più famoso in Libano ed è molto rispettato e seguito da seguaci e nemici, in particolare Israele. Tuttavia, poiché la situazione finanziaria in Libano è notevolmente peggiorata, non è più in una posizione invidiabile e avrà bisogno di abilità eccezionali per mantenere unito il Libano in un momento in cui i suoi presunti alleati politici mostrano comportamenti ostili. I seguaci di Hezbollah e gli alleati politici di Hezbollah non sono più in armonia. Le tensioni stanno raggiungendo livelli senza precedenti, non solo nei social media, ma anche per quanto riguarda le scelte politiche. Le ragioni sono molte.

Sayyid Nasrallah ha un’influenza incontestata sui suoi sostenitori nella misura in cui la maggior parte di loro fa eco alla parola del “Sayyid” – come viene chiamato dai suoi seguaci che usano anche l’acronimo “Samahto”, il termine arabo che significano la sua eminenza, un titolo religioso. I suoi discorsi diventano legge per seguaci, analisti, giornalisti e politici e i dettagli delle sue idee e idee politiche sono ripetuti sulla maggior parte delle piattaforme mediatiche.

Ma ciò non impedisce ai membri della società, della quale Hezbollah è parte integrante, di non essere d’accordo con le dichiarazioni del Sayyid in merito al suo legame politico con i suoi alleati, in particolare il più grande partito cristiano “Tayyar al Watani al-Hurr “, Il Free Patriotic Movement (FPM). In effetti, i sostenitori di Hezbollah hanno deciso di eludere le raccomandazioni del Sayyid e di “cavalcare la notte a cavallo di un cammello” (un’espressione usata dall’Imam Hussein Bin Ali per i suoi seguaci il giorno prima dell’ultima battaglia di Karbalaa, quando invitò i suoi seguaci a partire da crepuscolo per evitare di essere visto dal nemico e sfuggire alla morte il giorno successivo). Sui social media, si sta svolgendo un’altra guerra in cui i seguaci di Hezbollah sfogano duramente le loro frustrazioni, incidendo sulla zona di comfort di Hezbollah e sfidando le sue preferenze politiche.

In uno dei suoi ultimi discorsi, Sayyid ha sottolineato l’importanza di moderare gli scambi di piattaforme di social media tra gli alleati di tutte le parti, affermando che il legame con i suoi alleati è forte. Sayyid Nasrallah voleva sgonfiare l’attuale livello di tensioni derivante da una serie di eventi che si sono verificati ultimamente in Libano. Senza dubbio, il leader di Hezbollah sperava di affrontare il vero problema tra gli alleati da una prospettiva diversa, lontana dalle piattaforme pubbliche.

Ma vediamo cosa sta realmente succedendo in Libano. Non esiste nessuna intenzione di alimentare le differenze interne esistenti. Lo scopo è quello di rivelare una realtà che i libanesi stanno scoprendo in questo periodo di difficoltà finanziaria che il paese sta vivendo da mesi. Il livello di dissenso è salito al punto in cui è diventato inevitabile. È tempo di affrontare questo dissenso.

Il Libano ha osservato una forte discordia da quando le persone sono scese in strada l’anno scorso per chiedere migliori condizioni di vita ed esprimere il loro disprezzo per i politici responsabili di decenni di corruzione e cattiva gestione. Ciò terrorizzò all’epoca tutti i politici perché si resero conto che il popolo libanese si ribellava contro tutti loro che furono accusati come responsabili di tre decenni di furto, mancanza di opportunità di lavoro, ingiustizia e corruzione.

Come con manifestazioni simili in Iraq, l’ambasciata americana ha tentato di sovvertire la popolare ondata di protesta per deviare i manifestanti contro il nemico più temuto di Israele, Hezbollah.

Il “Movimento Futuro” – fondato dal defunto Primo Ministro Rafiq Hariri e ora guidato da suo figlio Saad, entrambi bersagli dei manifestanti – ha intensificato la situazione fino al limite in cui i suoi sostenitori hanno chiuso l’unica strada che collega Beirut al sud del Libano. Hariri era sconvolto per aver fallito in questa selezione di un nuovo governo e fu sostituito da Hasan Diab. Hariri si è pentito di aver approvato la selezione di Diab e da allora ha cercato di minare le possibilità di successo del nuovo governo.

Chiudere la strada del Libano meridionale – Beirut significa bloccare il movimento di Hezbollah a sud, necessario per mantenere la prontezza militare nel caso di una possibile guerra con Israele. A seguito di ripetuti blocchi di questa strada vitale, Hezbollah ha preparato le sue riserve che alloggiano lungo questa strada per prepararsi a liberarla con la forza. A questo punto l’esercito libanese è intervenuto per evitare lo scontro, disinnescando le tensioni e vincendo un impegno a tenere sempre aperta la strada. L’obiettivo era quello di preservare i diritti dei manifestanti pacifici, evitando nel contempo che i rivoltosi con un’agenda politica mettessero a repentaglio la convivenza libanese tra le diverse religioni.

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Subscribe to get access

Read more of this content when you subscribe today.

Il leader dell’FPM è ora rimasto solo con Hezbollah come alleato; a differenza di Geagea, non gode del sostegno degli Stati Uniti. Quando verrà il momento delle elezioni presidenziali, gli americani non ricorderanno le scuse di tutti i funzionari dell’FPM all’ambasciatore degli Stati Uniti perché gli Stati Uniti semplicemente non hanno alleati ma solo interessi. In ogni caso, gli Stati Uniti non sono più in grado di decidere chi sarà il prossimo presidente libanese.

L’attuale governo libanese di Hassan Diab ha deciso di non rinunciare all’Occidente ma di diversificare le sue scelte e accelerare la sua collaborazione industriale con la Cina. Sta anche firmando accordi con l’Iraq per importare carburante e benzina in cambio dell’agricoltura libanese e dei prodotti locali con generose agevolazioni per il pagamento. I libanesi stanno già ricevendo medicine e cibo dall’Iran. La fame non è imminente poiché Hezbollah sostiene la popolazione sciita a coltivare la terra, offrendo fertilizzanti e altre necessità agricole.

La possibilità di una guerra civile è remota. Nessuno può opporsi alle forze armate libanesi e quella Hezbollah. Entrambe le entità rappresentano un muro contro ogni possibilità di una guerra civile la cui esistenza è principalmente limitata ai social media.

Hezbollah sta dimostrando un’alta tolleranza anche nei confronti dei libanesi che si sono manifestati davanti all’ambasciata americana a Beirut e hanno espresso le loro condoglianze ai marines americani uccisi a Beirut durante l’attacco suicida nel 1983, innescato dai bombardamenti statunitensi su diverse località libanesi e per aver preso parte della guerra civile. Sebbene questi manifestanti rappresentino uno spettacolo di folklore, il loro peso nella politica libanese è insignificante. Hezbollah non si sta comportando come l’ultimo dominatore del territorio o del governo anche se è la forza militare più forte del paese e fa parte della più grande coalizione politica.

Hezbollah ha sempre eccelso nel percorrere con attenzione i campi minati domestici e regionali e nel rovesciare i tavoli sui nemici al momento giusto. Le attuali alleanze in Libano sono state scosse da una crisi economica che dovrebbe durare per un certo numero di anni. Questa crisi metterà sicuramente alla prova la diplomazia di Hezbollah e la coesione dei suoi membri.

Mi spiace non poter più fornire il libero accesso ai miei articoli. L’informazione è stata schiacciata dal neoliberismo e dal blocco dovuto al Covid-19. Purtroppo non ho altre alternative se non quella di chiedere un sostegno ai miei lettori. Abbonandovi sosterrete il giornalismo investigativo necessario alla comprensione di ciò che sta realmente accadendo in Medio Oriente. Grazie a coloro che potranno contribuire! 

Copyright © https://ejmagnier.com 2020 

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.